• IT
  • EN

Il codice etico e di responsabilità sociale

Questo codice etico esprime gli impegni e le responsabilità etiche nella conduzione degli affari e delle attività aziendali assunti da tutti i dipendenti e collaboratori di Ferrari S.r.l. siano essi amministratori o dipendenti di ogni inquadramento, nel rispetto dei legittimi interessi dei soci, dipendenti, clienti, partner commerciali e della collettività in cui Ferrari S.r.l. è presente con le proprie attività.

Il documento nasce come uno degli elementi del Modello organizzativo e di controllo societario definito in seguito all'entrata in vigore del D.Lgs. 231/01 ma, non limitandosi a indicare le linee guida comportamentali riferite alle attività a rischio penale, abbraccia in modo più ampio il ruolo ed i rapporti di Ferrari S.r.l., dei suoi dipendenti, collaboratori e dei suoi partner.

E' per questo motivo che è istituito in Ferrari S.r.l. un "Organismo di Vigilanza", che ha il compito di vigilare sul rispetto, l'adeguatezza e l'aggiornamento del "Modello" per la prevenzione dei reati ex D.Lgs. n. 231/01 e successive integrazioni.

La missione di Ferrari S.r.l.

La missione della Ferrari S.r.l. è quella di commercializzare i prodotti oggetto della attività, valorizzando le competenze e l'innovazione tecnologica in iniziative di crescita che si accompagnino con politiche ambientalistiche e di risparmio energetico, per creare valore per i propri soci, soddisfazione dei clienti e crescita professionale dei collaboratori.

Un approccio cooperativo verso gli stakeholder

Ferrari S.r.l. aspira a mantenere e sviluppare il rapporto di fiducia con i suoi stakeholder, cioè con quelle categorie di individui, gruppi o istituzioni il cui apporto è richiesto per realizzare la missione della stessa Ferrari S.r.l. o che hanno comunque un interesse in gioco nel suo perseguimento.

Sono stakeholder coloro che compiono investimenti connessi alle attività della Ferrari S.r.l., in primo luogo i soci e, quindi, i collaboratori, i clienti, i fornitori ed i partner d'affari.

In senso allargato sono inoltre stakeholder le organizzazioni e le istituzioni i cui interessi sono influenzati dagli effetti diretti e indiretti delle attività della Ferrari S.r.l., rientrando in questo ambito le comunità locali e nazionali in cui Ferrari S.r.l. opera, le associazioni ambientaliste, le generazioni future ecc.

Ferrari S.r.l. rispetta le aspettative legittime dei propri stakeholder, ovvero di quei soggetti (intesi nel senso di individui, gruppi, organizzazioni) che hanno con l'azienda relazioni significative ed i cui interessi sono a vario titolo coinvolti nell'attività della Ferrari S.r.l. in modo coerente con la propria missione.

Sono dunque stakeholder della Ferrari S.r.l.

  • soci

  • collaboratori

  • clienti

  • fornitori

  • pubblica amministrazione

  • organizzazioni sindacali

  • ambiente

  • collettività

Nella condotta degli affari i comportamenti non etici compromettono il rapporto di fiducia tra Ferrari S.r.l. ed i suoi stakeholder e possono favorire l'assunzione di atteggiamenti ostili nei confronti dell'impresa.

Ferrari S.r.l. aspira a mantenere e sviluppare il rapporto di fiducia con i suoi stakeholder e prosegue la propria missione ricercando il contemperamento degli interessi coinvolti.

Questo codice è improntato dunque a un ideale di cooperazione, in vista di un reciproco vantaggio delle parti coinvolte.

Comportamenti non etici

Nella condotta degli affari i comportamenti non etici compromettono il rapporto di fiducia tra Ferrari S.r.l. e i suoi stakeholder.

Non sono etici, e favoriscono l'assunzione di atteggiamenti ostili nei confronti dell'impresa, i comportamenti di chiunque, singolo od organizzazione, cerchi di appropriarsi dei benefici della collaborazione altrui, sfruttando posizioni di forza.

Il valore della reputazione e dei doveri fiduciari

La buona reputazione è una risorsa immateriale essenziale.

La buona reputazione all'esterno favorisce gli investimenti dei soci, la fedeltà dei clienti, l'attrazione delle migliori risorse umane, la serenità dei fornitori, l'affidabilità verso i creditori.

All'interno, essa consente di prendere e attuare le decisioni senza frizioni e di organizzare il lavoro senza controlli burocratici ed esercizi eccessivi dell'autorità.

Dato che il codice etico chiarisce i particolari doveri di Ferrari S.r.l. nei confronti degli stakeholder (doveri fiduciari), si propone la sua effettiva osservanza come termine di paragone in base al quale giudicare la reputazione della Ferrari S.r.l.

Il codice etico è pertanto costituito:

• dai principi generali sulle relazioni con gli stakeholder, che definiscono in modo astratto i valori di riferimento nelle attività della Ferrari S.r.l.

• dai criteri di condotta verso ciascuna classe di stakeholder, che forniscono nello specifico le linee guida e le norme alle quali i collaboratori della Ferrari S.r.l. sono tenuti ad attenersi per il rispetto dei principi generali e per prevenire il rischio di comportamenti non etici;

• dai meccanismi di attuazione, che descrivono il sistema di controllo per l'osservanza del codice etico e per il suo continuo miglioramento.

Il valore della reciprocità

Questo codice è improntato a un ideale di cooperazione in vista di un reciproco vantaggio delle parti coinvolte, nel rispetto del ruolo di ciascuno.

Ferrari S.r.l. richiede perciò che ciascun stakeholder agisca nei suoi confronti secondo principi e regole ispirate a un'analoga idea di condotta etica.

Validità e applicazione del codice

II codice etico si applica a tutte le attività e sedi della Ferrari S.r.l. ed è conseguentemente vincolante per i comportamenti di tutti i suoi collaboratori.

Inoltre, Ferrari S.r.l. richiede ai principali fornitori una condotta in linea con i principi generali del presente codice.

Il codice etico ha validità sia in Italia che all'estero, pur in considerazione della diversità culturale, sociale ed economica dei vari Paesi in cui Ferrari S.r.l. si dovesse trovare ad operare.

Qualora Ferrari S.r.l. dovesse operare in Paesi in cui gli standard di protezione ambientale, di sicurezza sociale o del lavoro, nonché di trattamento economico e normativo dei collaboratori fossero inferiori a quelli normalmente applicati in Italia, Ferrari S.r.l. si impegna a garantire un miglioramento continuo e apprezzabile dei livelli praticati in loco in modo coerente con i principi di questo codice.

Destinatari del codice etico sono tutti i dipendenti, senza alcuna eccezione, e tutti coloro che, direttamente o indirettamente, stabilmente o temporaneamente, instaurano rapporti o relazioni con Ferrari S.r.l. ed operano per perseguirne gli obiettivi.

Il codice etico si applica a Ferrari S.r.l. ed è conseguentemente vincolante per i comportamenti dei suoi amministratori, di tutti i suoi dipendenti, e collaboratori (consulenti, agenti, procuratori e chiunque operi in nome e/o per conto della società).

Costoro hanno pertanto l'obbligo di conoscere le norme c di astenersi da comportamento contrari alle stesse.

Ferrari S.r.l. si impegna alla diffusione del presente codice etico, alla corretta interpretazione dei suoi contenuti ed alla messa a disposizione di ogni possibile strumento che favorisca la piena applicazione dello stesso.

In particolare, al fine di garantire il rispetto delle norme e dei principi espressi nel presente codice etico, la relativa attività di verifica e monitoraggio, nonché di proposizione, ove opportuno, di adeguate misure sanzionatone sarà svolta dal citato Organismo di Vigilanza.

In ogni rapporto d'affari, tutte le controparti devono essere informate dell'esistenza di norme di comportamento e devono rispettarle, pena le conseguenze stabilite dal contratto.

PRINCIPI ETICI

Imparzialità

Nelle decisioni che influiscono sulle relazioni con i suoi stakeholder (la scelta dei clienti da servire, i rapporti con i soci, la gestione del personale o l'organizzazione del lavoro, la selezione e la gestione dei fornitori, i rapporti con la comunità circostante e le istituzioni che la rappresentano), Ferrari S.r.l. evita ogni discriminazione in base all'età, al sesso, orientamento sessuale, allo stato di salute, alla razza, al ceto, all'origine nazionale, all'appartenenza sindacale, all'affiliazione politica, alla religione, ecc. dei suoi interlocutori.

Onestà

Nell'ambito della loro attività professionale, i collaboratori della Ferrari S.r.l. sono tenuti a rispettare con diligenza le leggi vigenti, il codice etico, di responsabilità sociale ed i regolamenti interni.

In nessun caso il perseguimento dell'interesse della Ferrari S.r.l. può giustificare una condotta non onesta.

Rispetto delle leggi e regolamenti vigenti

Ferrari S.r.l. si impegna a rispettare, in tutti i paesi in cui opera, tutte le leggi e le direttive nazionali ed internazionali e tutte le prassi legittime generalmente riconosciute.

Nel caso in cui queste si rivelino lacunose o in contrasto con i principi del nostro ordinamento o soggette a diverse interpretazioni, verranno consultati esperti competenti in materia.

Riservatezza

Ferrari S.r.l. assicura la riservatezza delle informazioni in proprio possesso e si astiene dal ricercare dati riservati, salvo il caso di espressa e consapevole autorizzazione e conformità alle norme giuridiche vigenti.

Inoltre, i collaboratori della Ferrari S.r.l. sono tenuti a non utilizzare informazioni riservate per scopi non connessi con l'esercizio della propria attività, come nel caso di insider trading.

Lotta alla corruzione ed ai conflitti d'interesse

Ferrari S.r.l. si impegna a mettere in atto tutte le misure necessarie a prevenire ed evitare fenomeni di corruzione o conflitto di interessi ed altre condotte idonee ad integrare il pericolo di commissione dei reati previsti dal D.Lgs. 231/01.

Nella conduzione di qualsiasi attività devono sempre evitarsi situazioni ove i soggetti coinvolti nella transazioni siano, o possano anche solo apparire, in conflitto di interesse.

Con ciò si intende sia il caso in cui un collaboratore persegua un interesse diverso dalla missione di impresa e dal bilanciamento degli interessi degli stakeholder o si avvantaggi "personalmente" di opportunità d'affari dell'impresa, sia il caso in cui i rappresentanti dei clienti o dei fornitori, o delle istituzioni pubbliche, agiscano in contrasto con i doveri fiduciari legati alla loro posizione.

Relazioni con i soci

Il socio non è solo una fonte di finanziamento, ma un soggetto con opinioni e valori morali diversificati. Per orientarsi nelle decisioni di investimento e nelle delibere societarie, necessita perciò di tutta l'informazione rilevante disponibile.

Ferrari S.r.l. favorisce la creazione di condizioni tali affinché la partecipazione dei soci alle decisioni di loro competenza sia diffusa e consapevole, garantisce la parità di informazione e, inoltre, tutela l'interesse della totalità dei soci.

Valorizzazione dell'investimento azionario

Ferrari S.r.l. opera affinché i risultati economico/finanziari siano tali da salvaguardare e accrescere il valore dell'impresa, in modo da remunerare adeguatamente il rischio che i soci assumono con l'investimento dei propri capitali.

Valore delle risorse umane

I collaboratori della Ferrari S.r.l. sono un fattore indispensabile per il successo della missione.

Per questo motivo, Ferrari S.r.l. tutela e promuove il valore delle risorse umane allo scopo di migliorare e accrescere il patrimonio e la competitività delle competenze possedute da ciascun collaboratore.

Ferrari S.r.l. si impegna a promuovere il rispetto dell'integrità fisica della persona ed il rispetto nelle relazioni con gli altri.

Ferrari S.r.l. si impegna a sostenere e rispettare i diritti umani in conformità con la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dell'ONU e con i principi enunciati nella norma SA8000.

Equità dell'autorità

Nella sottoscrizione e gestione di rapporti contrattuali che implicano l'instaurarsi di relazioni gerarchiche - in special modo con i collaboratori - Ferrari S.r.l. si impegna a fare in modo che l'autorità sia esercitata con equità e correttezza evitandone ogni abuso.

In particolare, Ferrari S.r.l. garantisce che l'autorità non si trasformi in esercizio del potere lesivo della dignità e autonomia del collaboratore, e che le scelte di organizzazione del lavoro salvaguardino il valore dei collaboratori.

Integrità della persona

Ferrari S.r.l. garantisce l'integrità fisica e morale dei suoi collaboratori, condizioni di lavoro rispettose della dignità individuale e ambienti di lavoro sicuri e salubri.

Perciò non sono tollerate richieste o minacce volte a indurre le persone ad agire contro la legge ed il codice etico, o ad adottare comportamenti lesivi delle convinzioni e preferenze morali e personali di ciascuno.

Trasparenza e completezza dell'informazione

I collaboratori di Ferrari S.r.l. sono tenuti a dare informazioni complete, trasparenti, comprensibili e accurate, in modo tale che, nell'impostare i rapporti con l'azienda, gli stakeholder siano in grado di assumere decisioni autonome e consapevoli degli interessi coinvolti, delle alternative e delle conseguenze rilevanti.

In particolare, nella formulazione di eventuali contratti, Ferrari S.r.l. ha cura di specificare al contraente i comportamenti da tenere in tutte le circostanze previste, in modo chiaro e comprensibile.

Diligenza e accuratezza nell'esecuzione dei compiti e dei contratti

I contratti e gli incarichi di lavoro devono essere eseguiti secondo quanto stabilito consapevolmente dalle parti.

Ferrari S.r.l. si impegna a non sfruttare condizioni di ignoranza o di incapacità delle proprie controparti.

Correttezza cd equità nella gestione ed eventuale rinegoziazione dei contratti

È da evitare che nei rapporti in essere, chiunque operi in nome e per conto della Ferrari S.r.l. cerchi di approfittare di lacune contrattuali, o di eventi imprevisti, per rinegoziare il contratto al solo scopo di sfruttare la posizione di dipendenza o di debolezza nelle quali l'interlocutore si sia venuto a trovare.

Qualità dei servizi e dei prodotti

Ferrari S.r.l. orienta la propria attività alla soddisfazione ed alla tutela dei propri clienti dando ascolto alle richieste che possono favorire un miglioramento della qualità dei prodotti e dei servizi.

Per questo motivo, Ferrari S.r.l. indirizza le proprie attività di sviluppo e commercializzazione ad elevati standard di qualità dei propri servizi e prodotti.

Concorrenza leale

Ferrari S.r.l. intende tutelare il valore della concorrenza leale astenendosi da comportamenti collusivi, predatori e di abuso di posizione dominante.

Responsabilità verso la collettività

Ferrari S.r.l. è consapevole dell'influenza, anche indiretta, che le proprie attività possono avere sulle condizioni, sullo sviluppo economico e sociale e sul benessere generale della collettività, nonché dell'importanza dell'accettazione sociale delle comunità in cui opera.

Per questo motivo, Ferrari S.r.l. intende condurre i suoi investimenti in maniera ambientalmente sostenibile, nel rispetto delle comunità locali e nazionali, e sostenere iniziative di valore culturale e sociale al fine di ottenere un miglioramento della propria reputazione e accettazione sociale.

Tutela ambientale

L'ambiente è un bene primario che Ferrari S.r.l. s'impegna a salvaguardare; a tal fine programma le proprie attività ricercando un equilibrio tra iniziative economiche e imprescindibili esigenze ambientali, in considerazione dei diritti delle generazioni future. Ferrari S.r.l. si impegna dunque a migliorare l'impatto ambientale delle proprie attività, nonché a prevenire i rischi per le popolazioni e per l'ambiente non solo nel rispetto della normativa vigente, ma tenendo conto dello sviluppo della ricerca scientifica e delle migliori esperienze in materia.

Criteri di condotta nella relazioni con i soci

Ferrari S.r.l. adotta un sistema di governance del tutto conforme a quanto previsto dalla legge

Tale sistema di governo societario è orientato:

  • alla massimizzazione del valore per i soci,

  • al controllo dei rischi d'impresa,

  • alla trasparenza nei confronti del mercato.


IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI FERRARI S.r.l.

Ruolo del consiglio di amministrazione

AI consiglio di amministrazione fanno capo le funzioni e la responsabilità degli indirizzi strategici e organizzativi, nonché la verifica dell'esistenza dei controlli necessari per monitorare l'andamento della Società.

In tale contesto, il consiglio di amministrazione:

  • riceve periodicamente, al pari del collegio sindacale, un'esauriente informativa dall'amministratore delegato circa l'attività svolta trimestralmente, che evidenzia oltre alla gestione ordinaria, anche le operazioni atipiche, inusuali o con parti correlate;

  • definisce l'assetto organizzativo generale della Ferrari S.r.l. e la struttura societaria, verificandone l'adeguatezza rispetto agli obiettivi più generali d'impresa;

  • esamina ed approva i piani strategici e finanziari;

  • esamina e approva le operazioni aventi un significativo rilievo economico, patrimoniale e finanziario, specie se effettuate con parti correlate o altrimenti caratterizzate da un potenziale conflitto di interessi;

  • vigila sul generale andamento della gestione sociale, con particolare riguardo alle situazioni di conflitto di interessi, utilizzando le informazioni ricevute dall'amministratore delegato, verificando periodicamente il conseguimento dei risultati programmati;

  • riferisce ai soci in assemblea.

Gli amministratori della Ferrari S.r.l. sono tenuti:

  • a denunciare qualsiasi situazione di conflitto di interessi che li coinvolga;

  • a mantenere riservati i documenti e le informazioni acquisiti nello svolgimento dei loro compiti e a rispettare la procedura per la relativa comunicazione all'esterno;

  • a far prevalere sempre l'interesse di Ferrari S.r.l. sull'interesse particolare dei singoli soci.

FUNZIONE DI VIGILANZA

In Ferrari S.r.l. è istituita una apposita funzione per il controllo affidato al responsabile qualità e sicurezza, con funzioni consultive e propositive e con l'incarico in particolare di:

  • valutare l'adeguatezza del sistema di controllo interno;

  • riferire periodicamente all'amministratore delegato circa l'attività svolta e l'adeguatezza del sistema di controllo interno;

  • svolgere ulteriori compiti demandati dal consiglio di amministrazione.

SINDACI DI FERRARI S.r.l.

La procedura per la nomina del collegio sindacale è ispirata alla massima trasparenza.

In particolare le proposte all'assemblea dei soci per la nomina alla carica di sindaco sono depositate presso la sede sociale (accompagnate da una informativa riguardante le caratteristiche personali e professionali e gli incarichi ricoperti) almeno 10 giorni prima della data programmata per l'assemblea.

SOCIETÀ DI REVISIONE

La eventuale revisione di bilancio è incompatibile con la consulenza; l'incompatibilità si estende all'intero network della Società di revisione, comprendente ogni società o studio professionale associato, partner o in qualunque modo collegabile.

In particolare, sarà incompatibile la revisione del bilancio della Ferrari S.r.l. con l'attività di consulenza prestata a suo favore.

Le società di revisione che interverranno presso Ferrari S.r.l. saranno scelte direttamente dai soci.

TRASPARENZA VERSO IL MERCATO

Ferrari S.r.l. persegue la propria missione assicurando, nel contempo, la piena trasparenza delle scelte effettuate.

Pertanto, offre tutta l'informazione necessaria affinché le decisioni degli investitori possano essere basate sulle scelte strategiche aziendali, sull'andamento della gestione e sulla redditività attesa del capitale investito.

CRITERI DI CONDOTTA NELLA RELAZIONI CON TUTTI GLI ALTRI INTERLOCUTORI

Trattamento delle informazioni

Le informazioni degli stakeholder sono trattate da Ferrari S.r.l. nel pieno rispetto della riservatezza e della privacy degli interessati. A tal fine sono applicate e costantemente aggiornate politiche e procedure specifiche per la protezione delle informazioni.

In particolare Ferrari S.r.l.:

• definisce un'organizzazione per il trattamento delle informazioni che assicuri la corretta separazione dei ruoli e delle responsabilità;

• classifica le informazioni per livelli di criticità crescenti, e adotta opportune contromisure in ciascuna fase del trattamento;

• sottopone i soggetti terzi che intervengono nel trattamento delle informazioni a patti di riservatezza.

Regali, omaggi e benefici

Non è ammessa alcuna forma di regalo che possa anche solo essere interpretata come eccedente le normali pratiche commerciali o di cortesia, o comunque rivolta ad acquisire trattamenti di favore nella conduzione di qualsiasi attività collegabile a Ferrari S.r.l..

In particolare, è vietata qualsiasi forma di regalo a funzionari pubblici italiani ed esteri, o a loro familiari, che possa influenzare l'indipendenza di giudizio od indurre ad assicurare un qualsiasi vantaggio.

Tale norma, che non ammette deroghe nemmeno in quei Paesi dove offrire doni di valore a partner commerciali è consuetudine, concerne sia regali promessi od offerti sia quelli ricevuti; si precisa che per regalo si intende qualsiasi tipo di beneficio.

In ogni caso, Ferrari S.r.l. si astiene da pratiche non consentite dalla legge, dagli usi commerciali o dai codici etici - se noti - delle aziende o degli enti con cui ha rapporti.

Gli omaggi della Ferrari S.r.l. si caratterizzano perché volti a promuovere iniziative di carattere artistico (per esempio, la distribuzione di libri d'arte) o la brand image della società.

I regali offerti - salvo quelli di modico valore - devono essere documentati in modo adeguato per consentire verifiche e autorizzati dal responsabile di funzione, il quale provvede a darne preventiva comunicazione all'Organismo di vigilanza della Ferrari S.r.l.

I collaboratori della Ferrari S.r.l. che ricevono omaggi o benefici non previsti dalle fattispecie consentite, sono tenuti, secondo le procedure stabilite, a darne comunicazione all'Organismo di Vigilanza della Ferrari S.r.l. che valuta l'appropriatezza e provvede a far notificare al mittente la politica della Ferrari S.r.l. in materia.

Comunicazione all'esterno

La comunicazione della Ferrari S.r.l. verso i suoi stakeholder è improntata al rispetto del diritto all'informazione; in nessun caso è permesso divulgare notizie o commenti falsi o tendenziosi.

Ogni attività di comunicazione rispetta le leggi, le regole, le pratiche di condotta professionale, ed è realizzata con chiarezza, trasparenza e tempestività, salvaguardando, tra le altre, le informazioni price sensitive ed i segreti industriali.

È evitata ogni forma di pressione o di acquisizione di atteggiamenti di favore da parte dei mezzi di comunicazione.

Selezione del personale

La valutazione del personale da assumere è effettuata in base alla corrispondenza dei profili dei candidati rispetto a quelli attesi e alle esigenze aziendali, nel rispetto delle pari opportunità per tutti i soggetti interessati.

Le informazioni richieste sono strettamente collegate alla verifica degli aspetti previsti dal profilo professionale e psicoattitudinale, nel rispetto della sfera privata e delle opinioni del candidato.

La funzione personale, nei limiti delle informazioni disponibili, adotta opportune misure per evitare favoritismi, nepotismi, o forme di clientelismo nelle fasi di selezione e assunzione (per esempio, evitando che il selezionatore sia legato da vincoli di parentela con il candidato).

COSTITUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

Il personale è assunto con regolare contratto di lavoro; non è tollerata alcuna forma di lavoro irregolare o di "lavoro nero".

È vietato stipulare accordi contrattuali di "sola manodopera" e programmi di falso apprendistato volti ad evitare l'adempimento degli obblighi aziendali nei confronti del personale, in base alla legislazione vigente in materia di lavoro e sicurezza sociale.

Alla costituzione del rapporto di lavoro ogni collaboratore riceve accurate

informazioni relative a:

  • caratteristiche della funzione e delle mansioni da svolgere;

  • elementi normativi e retributivi, come regolati dal contratto collettivo nazionale di lavoro;

  • norme e procedure da adottare al fine di evitare i possibili rischi per la salute associati all'attività lavorativa.

Tali informazioni sono presentate al collaboratore in modo che l'accettazione dell'incarico sia basata su un'effettiva comprensione.

LIBERTÀ DI ASSOCIAZIONE E DIRITTO ALLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

Ferrari S.r.l. rispetta il diritto di tutto il personale di formare ed aderire a sindacati di loro scelta così come rispetta il diritto dei lavoratori alla contrattazione collettiva.

E inoltre garantito che i rappresentanti del personale non siano soggetti a discriminazione e che tali rappresentanti possano comunicare coi propri iscritti nel luogo di lavoro.

GESTIONE DEL PERSONALE

Ferrari S.r.l. evita qualsiasi forma di discriminazione nei confronti dei propri collaboratori.

Nell'ambito dei processi di gestione e sviluppo del personale, così come in fase di selezione, le decisioni prese sono basate sulla corrispondenza tra profili attesi e profili posseduti dal collaboratori (per esempio, in caso di promozione o trasferimento) e/o su considerazioni di merito.

L'accesso a ruoli e incarichi è anch'esso stabilito in considerazione delle competenze e delle capacità; inoltre, compatibilmente con l'efficienza generale del lavoro, sono favorite quelle flessibilità nell'organizzazione del lavoro che agevolano la gestione dello stato di maternità e in generale della cura dei figli.

La valutazione dei collaboratori è effettuata in maniera allargata coinvolgendo i responsabili, la funzione personale e, per quanto possibile, i soggetti che sono entrati in relazione con il valutato. Nei limiti delle informazioni disponibili e della tutela della privacy, la funzione personale opera per impedire forme di nepotismo (per esempio, escludendo rapporti di dipendenza gerarchica tra collaboratori legati da vincoli di parentela). Nella gestione del rapporto di lavoro Ferrari S.r.l. non interferisce con l'esercizio del diritto del personale di seguire principi o pratiche, o di soddisfare bisogni connessi a razza, ceto, origine nazionale, religione, invalidità, sesso, orientamento sessuale, appartenenza sindacale o affiliazione politica.

È vietata l'applicazione di procedure disciplinari nei confronti dei dipendenti se non nel rispetto del Codice Disciplinare interno ed il CCNL.

L'orario di lavoro e la retribuzione sono regolamentati dalle leggi applicabili e dai CCNL, è vietata qualsiasi forma di gestione del rapporto di lavoro al di fuori di quanto regolamentato dalle leggi e dai CCNL applicabili.

DIFFUSIONE DELLE POLITICHE DEL PERSONALE

Le politiche di gestione del personale e di responsabilità sociale, sono rese disponibili a tutti i collaboratori attraverso gli strumenti di comunicazione aziendale.

VALORIZZAZIONE E FORMAZIONE DELLE RISORSE

I responsabili utilizzano pienamente tutte le professionalità presenti nella struttura mediante l'attivazione delle leve disponibili per favorire lo sviluppo e la crescita dei propri collaboratori (per esempio, job rotation, affiancamenti a personale esperto, esperienze finalizzate alla copertura di incarichi di maggiore responsabilità).

Particolare importanza riveste la possibilità per ognuno di migliorare le proprie competenze anche attraverso una formazione mirata.

La formazione è assegnata a gruppi o a singoli collaboratori sulla base di specifiche esigenze di sviluppo professionale. È prevista una formazione istituzionale erogata in determinati momenti della vita aziendale del collaboratore (per esempio, per i neoassunti è prevista un'introduzione all'azienda, ai suoi sistemi di gestione, alle procedure tecniche) e una formazione ricorrente rivolta al personale operativo.

La storia formativa di ogni collaboratore è presente sul sistema informativo del personale al fine di rilevare il grado di fruizione della formazione e per disegnare successivi percorsi formativi.

GESTIONE DEL TEMPO DI LAVORO DEI COLLABORATORI

Ogni responsabile è tenuto a valorizzare il tempo dei collaboratori richiedendo prestazioni coerenti con l'esercizio delle loro mansioni e con i piani di organizzazione del lavoro.

Costituisce abuso della posizione di autorità richiedere, come atto dovuto al superiore gerarchico, prestazioni, favori personali o qualunque comportamento che configuri una violazione del presente codice etico.

È vietato richiedere prestazioni straordinarie al di fuori degli accordi e dei contratti.

COINVOLGIMENTO DEI COLLABORATORI

È assicurato il coinvolgimento dei collaboratori nello svolgimento del lavoro, anche prevedendo momenti di partecipazione a discussioni e decisioni funzionali alla realizzazione degli obiettivi aziendali.

Il collaboratore deve partecipare a tali momenti con spirito di collaborazione e indipendenza di giudizio.

SICUREZZA E SALUTE

Ferrari S.r.l. si impegna a diffondere e consolidare una cultura della sicurezza sviluppando la consapevolezza dei rischi, promuovendo comportamenti responsabili da parte di tutti i collaboratori; inoltre opera per preservare, soprattutto con azioni preventive, la salute e la sicurezza dei lavoratori, nonché l'interesse degli altri stakeholder.

Obiettivo della Ferrari S.r.l. è proteggere le risorse umane, patrimoniali e finanziarie dell'azienda, ricercando costantemente le sinergie necessarie non solo all'interno delle Società, ma anche con i fornitori, le imprese e i clienti coinvolti nelle attività.

Ferrari S.r.l. inoltre, si adopera per il miglioramento continuo dell'efficienza delle strutture aziendali e dei processi che attribuiscono alla continuità dei servizi erogati.

TUTELA DELIA PRIVACY

La privacy del collaboratore è tutelata adottando standard che specificano le informazioni che l'impresa richiede al collaboratore e le relative modalità di trattamento e conservazione.

È esclusa qualsiasi indagine sulle idee, le preferenze, i gusti personali e, in generale, la vita privata dei collaboratori.

Tali standard prevedono inoltre il divieto, fatte salve le ipotesi previste dalla legge, di comunicare/diffondere i dati personali senza previo consenso dell'interessato e stabiliscono le regole per il controllo, da parte di ciascun collaboratore, delle norme a protezione della privacy.

INTEGRITÀ E TUTELA DELLA PERSONA

Ferrari S.r.l. si impegna a tutelare l'integrità morale dei collaboratori garantendo il diritto a condizioni di lavoro rispettose della dignità della persona.

Per questo motivo salvaguarda i lavoratori da atti di violenza psicologica, e contrasta qualsiasi atteggiamento o comportamento discriminatorio o lesivo della persona, delle sue convinzioni e delle sue preferenze (per esempio, nel caso di ingiurie, minacce, isolamento o eccessiva invadenza, limitazioni professionali).

Non sono ammesse molestie sessuali e devono essere evitati comportamenti o discorsi che possano turbare la sensibilità della persona (per esempio, l'esposizione di immagini con espliciti riferimenti sessuali, allusioni insistenti o continuate).

Il collaboratore della Ferrari S.r.l. che ritiene di essere stato oggetto di molestie o di essere stato discriminato per motivi legati all'età, al sesso, alla sessualità, alla razza, allo stato di salute, alla nazionalità, alle opinioni politiche e alle credenze religiose ecc., può segnalare l'accaduto direttamente all'azienda che valuterà l'effettiva violazione del codice etico.

La funzione del personale predispone analisi statistiche periodiche in base alle quali sia possibile accertare l'esistenza o meno di discriminazioni verso particolari gruppi.

E vietato prendere provvedimenti disciplinari, licenziare o altrimenti discriminare qualsiasi dipendente che fornisca informazioni riguardanti la conformità al presente codice.

In caso di reclamo e/o segnalazione diretta, Ferrari S.r.l. implementa rimedi e azioni correttive con assegnazione di adeguate e appropriate risorse alla natura e alla gravità di ogni non-conformità nei confronti della politica aziendale e del presente codice.

DOVERI DEI COLLABORATORI

Il collaboratore deve agire lealmente al fine di rispettare gli obblighi sottoscritti nel contratto di lavoro e quanto previsto dal codice etico, assicurando le prestazioni richieste nel rispetto delle leggi e dei regolamenti.

GESTIONE DELLE INFORMAZIONI

Il collaboratore deve conoscere e attuare quanto previsto dalle politiche aziendali in tema di sicurezza delle informazioni per garantirne l'integrità, la riservatezza e la disponibilità.

È tenuto a elaborare i propri documenti utilizzando un linguaggio chiaro, oggettivo ed esaustivo, consentendo le eventuali verifiche da parte di colleghi, responsabili o soggetti esterni autorizzati a farne richiesta.

CONFLITTO DI INTERESSI

Tutti i collaboratori della Ferrari S.r.l. sono tenuti a evitare le situazioni in cui si possono manifestare conflitti di interessi e ad astenersi dal l’avvantaggiarsi personalmente di opportunità di affari di cui sono venuti a conoscenza nel corso dello svolgimento delle proprie funzioni. A titolo esemplificativo e non esaustivo, possono determinare conflitto di interessi le seguenti situazioni:
  • svolgere una funzione di vertice (amministratore delegato, consigliere) ed avere interessi economici con fornitori, clienti, o concorrenti anche attraverso i familiari;

  • curare i rapporti con i fornitori e svolgere attività lavorativa, anche da parte di un familiare, presso gli stessi fornitori;

• accettare denaro o favori da persone o aziende che sono o intendono entrare in rapporti di affari con la Ferrari S.r.l..

Nel caso in cui si manifesti anche solo l'apparenza di un conflitto di interessi il collaboratore è tenuto a darne comunicazione al proprio responsabile il quale, secondo le modalità previste, informa Ferrari S.r.l., che ne valuta caso per caso l'effettiva presenza.

Il collaboratore è tenuto, inoltre, a dare informazioni circa le attività svolte al di fuori del tempo di lavoro, nel caso in cui queste possano apparire in conflitto di interessi con la Ferrari S.r.l..

UTILIZZO DEI BENI AZIENDALI

Ogni collaboratore è tenuto ad operare con diligenza per tutelare i beni aziendali, attraverso comportamenti responsabili ed in linea con le procedure operative predisposte per regolamentarne l'utilizzo, documentando con precisione il loro impiego.

In particolare, ogni collaboratore deve:

  • utilizzare con scrupolo e parsimonia i beni a lui affidati;

  • evitare utilizzi impropri dei beni aziendali che possano essere causa di danno o di riduzione di efficienza, o comunque in contrasto con l'interesse dell'azienda.

Ogni collaboratore è responsabile della protezione delle risorse a lui affidate e ha il dovere di informare tempestivamente le Unità preposte di eventuali minacce o eventi dannosi per la Società.

Ferrari S.r.l. si riserva il diritto di impedire utilizzi distorti dei propri beni e infrastrutture attraverso l'impiego di sistemi contabili, di reporting di controllo finanziario e di analisi e prevenzione dei rischi, fermo restando il rispetto di quanto previsto dalle leggi vigenti (legge sulla privacy, statuto dei lavoratori ecc.).

Per quanto riguarda le applicazioni informatiche, ogni collaboratore è tenuto a:

  • adottare scrupolosamente quanto previsto dalle politiche di sicurezza aziendali, al fine di non compromettere la funzionalità e la protezione dei sistemi informatici;

  • non inviare messaggi di posta elettronica minatori e ingiuriosi, non ricorrere a linguaggio di basso livello, non esprimere commenti inappropriati che possano recare offesa alla persona e/o danno all'immagine aziendale;

  • non navigare su siti internet con contenuti indecorosi e offensivi.

CRITERI DI CONDOTTA NELLE RELAZIONI CON I CLIENTI

Ferrari S.r.l. si impegna a non discriminare arbitrariamente i propri clienti.

I contratti e le comunicazioni ai clienti della Ferrari S.r.l. (compresi i messaggi pubblicitari) devono essere:

  • chiari e semplici, formulati con un linguaggio il più possibile vicino a quello normalmente adoperato dagli interlocutori;

  • conformi alle normative vigenti, senza ricorrere a pratiche elusive o comunque scorrette (quali per esempio l'inserimento di pratiche o clausole vessatorie);

  • completi, così da non trascurare alcun elemento rilevante ai fini della decisione del cliente.

Scopi e destinatari delle comunicazioni determinano, di volta in volta, la scelta dei canali di contatto (telefono, riviste, e-mail) più idonei alla trasmissione dei contenuti senza avvalersi di eccessive pressioni e sollecitazioni, e impegnandosi a non utilizzare strumenti pubblicitari ingannevoli o non veritieri.

Infine è cura della Ferrari S.r.l. comunicare in maniera tempestiva ogni informazione relativa a–:

  • eventuali modifiche al contratto;

  • eventuali variazioni delle condizioni economiche e tecniche di erogazione del servizio e/o vendita dei prodotti;

  • esiti di verifiche compiute sul rispetto delle norme richieste dalle Autorità competenti.

STILE DI COMPORTAMENTO DEI COLLABORATORI

Lo stile di comportamento della Ferrari S.r.l. nei confronti della clientela è improntato alla disponibilità, al rispetto e alla cortesia, nell'ottica di un rapporto collaborativi e di elevata professionalità.

Inoltre Ferrari S.r.l. si impegna a limitare gli adempimenti richiesti ai suoi clienti e ad adottare procedure di semplificate, sicure e, quando possibile, informatizzate.

CRITERI DI CONDOTTA NELLE RELAZIONI CON I FORNITORI

I processi di acquisto sono improntati alla ricerca del massimo vantaggio competitivo per Ferrari S.r.l., alla concessione delle pari opportunità per ogni fornitore, alla lealtà e all'imparzialità.

In particolare, i collaboratori addetti a tali processi sono tenuti a:

  • non precludere ad alcuno in possesso dei requisiti richiesti la possibilità di competere alla stipula di contratti, adottando nella scelta della rosa dei candidati criteri oggettivi e documentabili;

  • assicurare concorrenza sufficiente considerando più imprese nella selezione del fornitore.

Per Ferrari S.r.l. sono requisiti di riferimento:

  • la disponibilità opportunamente documentata di mezzi, anche

finanziari, strutture organizzative, capacità e risorse progettuali, know–how ecc.;

• l'esistenza ed effettiva attuazione, quando previsto, di sistemi di qualità aziendali adeguati (per esempio, ISO 9000);

  • l'impegno del fornitore a partecipare alle attività di monitoraggio aziendale, la disponibilità ad implementare tempestivamente azioni di rimedio e correttive con riguardo ad ogni non conformità.

INTEGRITÀ E INDIPENDENZA NEI RAPPORTI

Le relazioni con i fornitori sono regolate da procedure documentate e sono oggetto di un costante monitoraggio da parte della Ferrari S.r.l.

Tali relazioni comprendono anche i contratti finanziari e di consulenza.

La stipula di un contratto con un fornitore deve sempre basarsi su rapporti di estrema chiarezza, evitando ove possibile forme di dipendenza.

Per garantire la massima trasparenza ed efficienza del processo di acquisto, è predisposto:

  • la separazione dei ruoli tra l'unità richiedente la fornitura e l'unità stipulante il contratto;

  • un'adeguata ricostruibilità delle scelte adottate;

  • la conservazione delle informazioni nonché dei documenti contrattuali per i periodi stabiliti dalle normative vigenti e richiamato nelle procedure interne di acquisto.

TUTELA DEGLI ASPETTI ETICI NELLE FORNITURE

Nella prospettiva di conformare l'attività di approvvigionamento ai principi etici adottati, Ferrari S.r.l. può introdurre, per particolari forniture, requisiti ambientali o di sicurezza (per esempio, la presenza di un sistema certificato ISO 14001 o OHSAS 18001).

Le violazioni dei principi generali del codice etico comportano meccanismi sanzionatori, tesi anche a evitare reati contro la pubblica amministrazione o disastri ambientali riconducibili alle attività della Ferrari S.r.l..

A tal fine, nei singoli contratti sono predisposte apposite clausole.

CRITERI DI CONDOTTA NELLE RELAZIONI CON LA COLLETTIVITÀ

POLITICA AMBIENTALE

L'impegno primo e imprescindibile della Ferrari S.r.l. è la garanzia continua nel tempo del rispetto delle normative vigenti nei campi della salvaguardia dell'ambiente.

Ciò comporta la piena conformità alle leggi, come presupposto fondamentale.

La politica della Ferrari S.r.l. è improntata all'affidamento di attività con impatto ambientale secondo un'ottica che risponda ai principi dello sviluppo sostenibile; in particolare con una continua attenzione affinché lo svolgimento delle attività venga effettuato in conformità alle direttive nazionali e internazionali.

RAPPORTI CON LE ASSOCIAZIONI PORTATRICI DI INTERESSI

Ferrari S.r.l. ritiene che il dialogo con le associazioni sia di importanza strategica per un corretto sviluppo dei propri business; perciò instaura un canale stabile di comunicazione con le associazioni di rappresentanza dei propri stakeholder allo scopo di cooperare nel rispetto dei reciproci interessi, presentare le proprie posizioni e prevenire possibili situazioni di conflitto.

RAPPORTI ECONOMICI CON PARTITI, ORGANIZZAZIONI SINDACALI E ASSOCIAZIONI

Ferrari S.r.l. non finanzia partiti sia in Italia sia all'estero, loro rappresentanti o candidati, né effettua sponsorizzazioni di congressi o feste che abbiano un fine esclusivo di propaganda politica.

Si astiene da qualsiasi pressione diretta o indiretta ad esponenti politici (per esempio, tramite concessione di strutture nella propria disponibilità, accettazione di segnalazioni per le assunzioni, contratti di consulenza).

Ferrari S.r.l. non eroga contributi ad organizzazioni con le quali può ravvisarsi un conflitto di interessi (per esempio, sindacati, associazioni ambientaliste od a tutela dei consumatori); è tuttavia possibile cooperare, anche finanziariamente, con tali organizzazioni per specifici progetti in base ai seguenti criteri:

  • finalità riconducibile alla missione della Ferrari S.r.l..;

  • destinazione chiara e documentabile delle risorse;

  • espressa autorizzazione da parte delle funzioni preposte alla gestione di tali rapporti nell'ambito della Ferrari Srl.


CONTRIBUTI E SPONSORIZZAZIONI


Ferrari S.r.l. può aderire alle richieste di contributi limitatamente alle proposte provenienti da enti e associazioni dichiaratamente senza fini di lucro e con regolari statuti e atti costitutivi, che siano di elevato valore culturale, morale, sportivo o benefico e che coinvolgano un notevole numero di cittadini.

Le attività di sponsorizzazione, che possono riguardare i temi del sociale, dell'ambiente, dello sport, dello spettacolo, e dell'arte, sono destinate solo a eventi che offrano garanzia di qualità.

In ogni caso, nella scelta delle proposte cui aderire, Ferrari S.r.l. presta particolare attenzione verso ogni possibile conflitto di interessi di ordine personale o aziendale.

RAPPORTI ISTITUZIONALI

Ogni rapporto con le istituzioni di Stato o internazionali è riconducibile esclusivamente a forme di comunicazione volte a valutare le implicazioni dell'attività legislativa e amministrativa nei confronti della Ferrari S.r.l., a rispondere a richieste informali e ad atti di sindacato ispettivo (interrogazioni, interpellanze ecc.), o comunque a rendere nota la posizione su temi rilevanti per la Società.

COMUNICAZIONE E FORMAZIONE

Il codice etico è portato a conoscenza degli stakeholder interni ed esterni mediante apposite attività di comunicazione. Allo scopo di assicurare la corretta comprensione del codice etico a tutti i collaboratori della Società, potrà essere realizzato un piano annuale di formazione volto a favorire la conoscenza dei principi e delle norme etiche.

Le iniziative di formazione sono differenziate secondo il ruolo e la responsabilità dei collaboratori; per i neoassunti è previsto un apposito programma formativo che illustra i contenuti del codice di cui è richiesta l'osservanza.

SEGNALAZIONI DEGLI STAKEHOLDER

Ferrari S.r.l. provvede a recepire tutte le comunicazioni e segnalazioni provenienti dagli stakeholder.

Tutti gli stakeholder della Ferrari S.r.l. possono segnalare, per iscritto e in forma non anonima, ogni violazione o sospetto di violazione del codice etico al Consiglio di Amministrazione della Ferrari Srl che provvede ad un'analisi della segnalazione, ascoltandone eventualmente l'autore e il responsabile della presunta violazione, garantendo i segnalanti contro qualsiasi tipo di ritorsione intesa come atto che possa dar adito anche al solo sospetto di essere una forma di discriminazione o penalizzazione (per esempio, per i fornitori: interruzione dei rapporti di affari; per i dipendenti: mancata promozione ecc.). È inoltre assicurata la riservatezza dell'identità del segnalante, fatti salvo gli obblighi di legge.